Progetto “Distanti ma uniti.Casa Sardegna on line.Presentazione del libro di Luca Urgu : STORIE DA BAR

Proposto dal Circolo ACSIT di firenze, ci troviamo

Sabato 17 Aprile 2021

ore 14.00 Italia

in diretta sulla piattaforma Zoom. Oppure sulla piattaforma Facebook gruppo “distanti ma uniti.Casa Sardegna on line” e sulla Piattaforma TV di AJO’ NOAS

Luca Urgu è un amico giornalista che scrive per la Nuova Sardegna; un giornalista vecchia maniera, non da scrivania, che si sposta continuamente tra i paesi del Nuorese, a caccia di notizie, con la sua adorata “Vespa” e con il suo taccuino. Gira in lungo e in largo e racconta storie. 

Le sue “Storie da Bar” (Contos de tzilleri, si direbbe in sardo) nascono proprio dalla voglia e dalla volontà di far emergere quei fatti che proprio nei bar prendono vita e corpo.
Luca ha iniziato proponendo le “Storie da Bar” su Facebook, con una apposita pagina che in breve tempo è stata sommersa da contributi giunti da tutta l’Isola, e non solo.

Bene ha fatto, dunque, la casa editrice La Zattera a raccogliere parte di quel materiale in un volume che offre un’ampia sintesi di quanto raccolto su Facebook.

Il libro è gradevole da leggere e offre un panorama variegato del ruolo centrale che i bar hanno avuto e hanno nella vita dei paesi dove rappresentano, il più delle volte, l’unico centro di aggregazione.

Un libro, dunque, che da voce a ricordi e riflessioni, che aiuta a ripercorrere un passato a noi vicino e che ricostruisce storie esemplari di gente comune e di personaggi che hanno i loro ricordi legati a storie da bar. Tra i diversi contributi si segnalano anche quelli del musicista Paolo Fresu, del calciatore Gianfranco Zola e dello scrittore Marcello Fois che, per motivi diversi, sottolineano legami imprescindibili con i bar della loro infanzia.

Un libro da leggere, dunque, e un libro da ascoltare in diretta Sabato 17 Aprile nella presentazione online, curata dall’ACSIT nell’ambito del progetto “Distanti ma uniti. Casa Sardegna online” che coinvolge i circoli sardi nel mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *