”Faedda lu su sardu!” Unidade e diversidade linguìstica de Sardigna

  Una terra come la Sardegna senza una sua lingua non può definirsi tale.

Con le sue varietà legate fortemente a specifiche aree geografiche, il sardo rappresenta una lingua affascinante e coinvolgente.

Quali sono le differenze fra il campidanese e lugudorese? E fra gallurese e sassarese? Perchè si parla catalano ad Alghero? Com’è possibile che a distanza di pochi chilometri cambino lingua e pronuncia dei termini? Ma sopratutto perchè è così importante parlare il sardo?

Assieme al profesor Pietro Clemente, Antropologo e al Professor Simone Pisano -docente di linguistica applicata, fonetica e fonologia dell’Università “Gugliemo Marconi” di Roma- cercheremo di indagare le origini della diversità delle  “parlate” che attraversano la nostra Isola e capire come si possa trovare una sintesi che   permetta di essere riconosciuta universalmente e, quindi l’importanza di parlarla e scriverla.

Ne parliamo

Sabato 02 Giugno 2018

alle ore 17.00

presso il Circolo Peppino Mereu

 Via Sant’Agata 24 A -Siena

A seguire, piccolo buffet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *